Sabato 8 ottobre giornata di mobilitazione nazionale di STOP RAZZISMO

<img src=”http://www.unicobas.it/114.jpg&#8221; alt=”” width=”322″ height=”242″ /><strong>Solidarietà con l’insorgenza dei popoli contro tutti i dittatori, il sistema degli Stati e le loro guerre.</strong>
<strong> Solidarietà con il popolo siriano contro la feroce dittatura di Bashar Al Assad che ha già causato migliaia di vittime innocenti.</strong>
<strong> Solidarietà e accoglienza incondizionata per tutti i fratelli e le sorelle immigrate.</strong>
<strong> No al pacchetto sicurezza e al reato di clandestinità.</strong>
<strong> Regolarizzazione senza condizioni per tutti/e, diritto di cittadinanza per i bambini figli di immigrati che nascono in Italia (ius solis).</strong>
<strong> Affermiamo le nostre esigenze e bisogni contro la manovra economica antipopolare del governo Berlusconi e contro tutti gli oppressori.</strong>
<h3>SABATO 8 OTTOBRE 2011 ore 16.30
Piazza Verdi (davanti al Teatro Massimo)
<strong><em>Programma della giornata:</em></strong>
16.30 presentazione e apertura
17.00 la rivoluzione del popolo siriano (a cura di socialismo rivoluzionario)
18.30 accoglienza e solidarietà, sanatoria generalizzata (a cura dell’Associazione 3 Febbraio)
20.00 banchetti gastronomici, musica e spettacoli</h3>
Nel corso dell’iniziativa: banchetti delle realtà presenti, spazio bimbi, mostre e tanto altro…

<strong>Adesioni</strong>:<em>Stop Razzusmo, Associazione antirazzista interetnica 3 febbraio – Palermo; Socialismo Rivoluzionario; UNICOBAS Palermo, M.C.L. – Associazione Lavoratori Stranieri – Trapani; Associazione Edo Club – onlus. Nigeria; UN.I.S. – Associazione Ivoriana; Comunità del Bangladesh; Comunità del Senegal; Comitato Solidale Antirazzista “Diversa-mente Insieme”(facoltà di Lettere e Filosofia);MIR, ReteLilliput Isola, CSA “Boomerang”(liceo Umberto I); CSA “Ebano”(liceo Vittorio Emanuele II); La Compagnia dei Fuocolieri; Siqiliah Ensemble</em>
<strong>ACCOGLIENTI CON I NOSTRI FRATELLI</strong>
<strong> E LE NOSTRE SORELLE</strong>
<strong> INDIGNATI CON GLI OPPPRESSORI</strong>

Donne e uomini nel mondo arabo stanno insorgendo per affermare libertà, dignità e autodeterminazione contro i dittatori ed il sistema degli Stati.
Ancor più il popolo siriano sta lottando da più di sei mesi, unito e con coraggio, contro la feroce dittatura di Bashar Al Assad.
Fratelli e sorelle emigrano dal proprio paese per cercare un futuro migliore per se e per i propri cari.
In tutto il mondo, dal Sud America alla Cina, diverse mobilitazioni si stanno sviluppando contro chi limita e opprime la vita dei popoli.
In Italia molti studenti e lavoratori vogliono affermare diritti e bisogni negati da governo e padronato.
In ragione della nostra comune umanità siamo quindi solidali verso tutte queste persone e per l’accoglienza incondizionata di tutti i nostri fratelli e le nostre sorelle immigrate.
Siamo indignati contro tutti gli oppressori e denunciamo tutte le misure razziste del governo Berlusconi e di quelli precedenti, la criminale pratica dei respingimenti in mare e delle espulsioni degli immigrati.
Per tutto questo vogliamo dare vita ad una piazza accogliente, colorata e vivace. Creare insieme un‘occasione di crescita e di confronto per prendere consapevolezza che noi tutti (persone solidali, associazioni, comitati e organizzazioni), uniti nella solidarietà, possiamo cambiare in meglio la realtà che ci circonda!
L’8 ottobre tutti protagonisti a Piazza Verdi dalle 16.30 in poi!

<em>Comitato promotore – Palermo</em>

Annunci

Traghetti-prigione per Immigrati nel porto di Palermo:Gli uffici ONU di Ban Ki Moon comunicano che per l’UNHCR “una tale situazione suscita preoccupazione in termini di rispetto delle regole e la fornitura di assistenza umanitaria”.

Ufficio del portavoce del segretario generale dell’ ONU Ban Ki-moon

“Per quanto riguarda i 3 traghetti che sono attraccati nel porto di Palermo, l’agenzia dell’ONU per i rifugiati, UNHCR, rileva che una tale situazione suscita preoccupazione in termini di rispetto delle regole e la fornitura di assistenza umanitaria. Dichiara che la procura di Palermo sta conducendo un’inchiesta per indagare sulla possibile violazione della normativa in materia di detenzione.

L’UNHCR crede ancora che il centro di prima accoglienza a Lampedusa, se usato come originariamente previsto, potrebbe offrire un efficace accoglienza temporanea iniziale per le persone soccorse in mare. Secondo l’agenzia, la cancellazione di Lampedusa dalla zona di salvataggio potrebbe avere gravi ripercussioni sulle operazioni di salvataggio in mare, che sono stati finora effettuati dalla Guardia Costiera italiana e le altre autorità competenti. L’UNHCR aggiunge che Porto Empedocle, in Sicilia, continente, è ora più vicino il porto italiano sicuro e questo potrebbe rendere gli sforzi di soccorso in mare più complicato e difficile “.

Office of the Spokesperson for the Secretary-General UN Ban Ki-moon

“Concerning the 3 ferries that were docked at the Palermo harbour, the UN Refugee agency, UNHCR, notes that such a situation raises concern in terms of respect of rules and provision of humanitarian assistance. It says that the attorney of Palermo is conducting an enquiry to investigate on possible violation of the law regarding detention.

UNHCR still believes that the first reception centre on Lampedusa, if used as originally intended, could offer an effective temporary initial reception to persons rescued at sea. According to the agency, the cancellation of Lampedusa from the rescue area could have serious repercussions on rescue operations at sea which have so far been carried out by the Italian Coast Guard and other competent authorities. UNHCR adds that Porto Empedocle, in mainland Sicily, is now the nearest Italian safe port and this could make rescue at sea efforts more complicated and difficult.”

foto di Danila D’Amico ©

Quando impareremo dalla storia?

Maledetto chi lede il diritto del forestiero,

dell’orfano e della vedova!

Tutto il popolo dirà: Amen (Dt 27,19)

 

Quando impareremo dalla storia?

Animatori di Giustizia e Pace in difesa dei minori nomadi e migranti, contro la richiesta di impronte digitali per i rom e la detenzione dei minori “clandestini.”

 

In questi giorni stiamo assistendo a un crescendo di violenza a diversi livelli.
Violenza xenofoba contro gli immigrati; razzista contro Rom e Sinti; di polizia contro quanti protestano per difendere il proprio territorio; di Cosa nostra, della Camorra e della ‘Ndrangheta con le loro estorsioni. In questo contesto è particolarmente esposto chiunque sia “diverso”: oggi il rumeno, il nero, il cinese, come ieri il meridionale, il “terrone”.
 
Questa subcultura della violenza purtroppo lascia indifferenti o vede complici ampi strati della società, venendo così strumentalizzata da molta parte del mondo politico, per fini non solo elettoralistici.
 

 Questa subcultura si esprime e si fonda nelle paure, di singoli e di gruppo:

che, senza un governo autorevole, si rifugiano nell’autoritarismo.

Autoritarismo che ha fruttato al Paese più richiami internazionali: dalla U.E.,  all’ O.N.U., alla S. Sede.

In particolare intendiamo segnalare con scandalo la gravità delle minacce ai i minori nomadi e migranti. 
  • Non accettiamo i ventilati provvedimenti di richiesta delle impronte di identità per i minori Rom e Sinti, perché ledono la dignità personale attraverso un’operazione di etichettamento; 
  • Così come denunciamo, tra le varie norme del cosiddetto pacchetto “sicurezza”, la possibilità di detenzione dei minori migranti , accomunati sotto il marchio di “clandestini”, senza il benché minimo riconoscimento della dignità umana, loro e degli agli migranti.

Le Chiese, i religiosi e i laici cristiani non possono stare a guardare !
Bisogna tornare ad essere “Chiesa Confessante”, affermando insieme  una Fede non connivente col potere abusato; una Fede capace di testimoniare la Verità di fronte a tutti i violenti e nella vicinanza a quanti soffrono e chiedono giustizia.

 

Una giustizia giusta, perché coerente, e non del doppio binario, quale quella che si va profilando: draconiana con i deboli e remissiva con i forti. 

 Intendiamo essere quindi Chiesa ricca della testimonianza dei tanti Puglisi, Romero, M.L. King, Jagerstatter, Bonhoeffer, Trocmé, Abbè Pierre, don Zeno …, che hanno saputo tenere alta la Coscienza di fronte alla violenza dilagante del loro tempo e dei loro luoghi.    

 ***

 

Con  gli Animatori di Giustizia Pace e Integrità del Creato (GPIC) della famiglia francescana, anche noi vogliamo attirare l’attenzione sul pericolo attualmente rappresentato da una diffusa attitudine alle generalizzazioni per cui, a partire da episodi di criminalità compiuti da singoli individui ed in circostanze spesso ascrivibili alla cronaca locale, si perviene ad un giudizio negativo su intere etnie.

 

“Nell’odierno contesto sociale si fa più diffuso un sentimento di paura e di insicurezza, il quale è spesso amplificato dai mezzi di comunicazione per ragioni a nostro avviso non sempre trasparenti.

 

A tale percezione di una situazione di ‘emergenza’ si risponde con atteggiamenti culturali semplificanti, che tendono a risolvere la complessità della situazione nella ricerca di un capro espiatorio e nella messa in atto di rimedi drastici e soluzioni che nei fatti non tengono conto del rispetto della dignità e della storia delle singole persone. 

Angosciante è l’abbinamento -anche nei titoli dei giornali- dell’ ‘emergenza immigrati’, ‘emergenza Rom’ con l’ ‘emergenza rifiuti’, quasi che essi  stessi siano scarti della società semplicemente da rimuovere dalle nostre città.

Alla base di queste paure vi è forse proprio una forma di sopravvalutazione del bisogno di sicurezza, la quale in realtà rivela chiusura al dialogo e all’incontro con l’altro.” 

Condividiamo altresì la denuncia della Commissione Giustizia e Pace della Conferenza Istituti Missionari (CIMI), la dove dichiara che. 

“La ‘criminalizzazione’ dei migranti e il conseguente tentativo di farne il ‘capro espiatorio’ per una crisi sociale che ha ben altre radici, ci amareggia e ci spinge a dissentire dallo ‘spirito’ che sembra prevalere nella società.

Ci sembra di riconoscere lo stesso ‘virus’ che ha coinvolto, attraverso il crescente ricorso alla violenza e alla logica della competizione e della manipolazione mediatico-politica, il nostro tessuto sociale, minandone le difese ‘civili’.”  

*** 

“Riteniamo che non sia  “un crimine migrare, ma che invece criminale è un sistema economico-finanziario mondiale (l’11% della popolazione mondiale consuma l’88% delle risorse) che forza la gente a fuggire dalla propria terra per sopravvivere. L’Onu prevede che entro il 2050 avremo per i cambiamenti climatici un miliardo di rifugiati climatici.
I ricchi inquinano, i poveri pagano.” 
 

Il missionario Alex Zanotelli  ha infatti dichiarato :


”Mi vergogno di appartenere ad un popolo che non si ricorda che è stato fino a ieri un popolo di migranti («quando gli albanesi eravamo noi»): si tratta di oltre sessanta milioni di italiani che vivono oggi all’estero. I nostri migranti sono stati trattati male un po’ ovunque e hanno dovuto lottare per i loro diritti. Perché ora trattiamo allo stesso modo gli immigrati in mezzo a noi? Cos’è che ci ha fatto perdere la memoria in tempi così brevi? Il benessere? Come possiamo criminalizzare il clandestino in mezzo a noi?
Come possiamo accettare che migliaia di persone muoiano nel tentativo di attraversare il Mediterraneo per arrivare nel nostro “Paradiso”? E’ la nuova tratta degli schiavi che lascia una lunga scia di cadaveri dal cuore dell’Africa all’Europa. Mi vergogno di appartenere ad un paese che si dice cristiano ma che di cristiano ha ben poco.
Come possiamo dirci cristiani mentre dalla nostra bocca escono parole di odio e disprezzo verso gli immigrati e i Rom? Come possiamo gloriarci di fare le adozioni a distanza mentre ci rifiutiamo di fare le “adozioni da vicino”?” 

 

 

 

 

 

*** 

“Come discepoli di Cristo, rimaniamo sconcertati nel constatare come episodi di intolleranza, giustizia sommaria, discriminazione ed esclusione abbiano potuto trovare terreno fertile anche in varie comunità cristiane. Questi fatti gettano una luce particolarmente inquietante sul tipo di Vangelo e di ‘evangelizzazione’ che in tutti questi anni la Chiesa, cui apparteniamo e di cui siamo espressione, ha proclamato e testimoniato. Siamo infatti persuasi che il ‘virus’ di cui sopra deve essere combattuto anche attraverso la nostra predicazione, l’accoglienza evangelica e la testimonianza quotidiana di ospitalità.” (CIMI). 

*** 

“Si prospetta dunque un lavoro urgente, tanto più urgente quanto più vorticosamente notizie drammatiche di ogni genere si scalzano una dopo l’altra sugli schermi televisivi e le pagine di giornale.
Il lavoro è quello di fermarsi a osservare e studiare. Non studiare loro – come tante persone, anche animate dai migliori intenti, purtroppo non sempre adeguati al caso, oggi chiedono. No: studiare noi stessi! Osservare come funziona la nostra lettura dei fatti, quali sono le paure che ci abitano, per quale motivo noi reagiamo così e, anche, chi può avere interesse a infuocare e manipolare l’ancestrale paura della diversità. 

Intanto, mentre aspettiamo, ostinatamente, che un “lavoro” di questo genere prenda forma e si moltiplichi, non possiamo tacere. Perché, anche questo ce lo ha insegnato a grave prezzo la storia, certi silenzi sono connivenze, certe omissioni sono omertà.
Non possiamo accettare le espressioni di violenza e di odio che emittenti di vario genere riprendono e così fomentano, a propria volta, un linguaggio da bettola, rilanciato senza più vergogna. (Il paragone con il Rwanda, dove i mezzi di comunicazione ebbero un ruolo chiave nell’incitare al genocidio del 1994, è senz’altro esagerato; ma il meccanismo rimane, alla base, lo stesso).

Non possiamo tacere: perché le parole hanno un peso e formano le coscienze, soprattutto quelle dei giovani, ma non solo le loro. Hanno un peso e invadono la mente, autorizzando, quantomeno, i gesti violenti che poi diventano, qua e là, pogrom, pestaggi di gruppo, distruzione di povere cose.” [Cristina Simonelli, teologa (specializzata in Scienze patristiche), che fa parte da trent’anni del Gruppo Ecclesiale Veronese tra i Rom e i Sinti]

*** 

“Vogliamo quindi  esprimere solidarietà e vicinanza ai nostri fratelli e sorelle migranti assicurando loro che non saranno mai soli in questo viaggio di speranza comune.” (CIMI).

Giovanni XXIII scriveva, ormai 45 anni fa, nell’Enciclica Pacem in Terris: «Ogni essere umano ha il diritto alla libertà di movimento e di dimora nell’interno della comunità politica di cui è cittadino; ed ha pure il diritto, quando legittimi interessi lo consiglino, di immigrare in altre comunità politiche e stabilirsi in esse (cf. Radiomessaggio natalizio di Pio XII, 1952). Per il fatto che si è cittadini di una determinata comunità politica, nulla perde di contenuto la propria appartenenza, in qualità di membri, alla stessa famiglia umana; e quindi l’appartenenza, in qualità di cittadini, alla comunità mondiale».

  

Paolo VI, nel 1965, aveva dichiarato a rom e sinti “voi siete nel cuore della Chiesa“,

 

 

 

con le parole di Giovanni  Paolo II, durante il Giubileo del 2000, ha chiesto perdono di tanti suoi silenzi; non vogliamo sentirci ancora colpevoli e non vogliamo che ciò accada di nuovo oggi.

Coordinamento  Giustizia,  Pace, Integrità del Creato

Fra’ Graziano Bruno jpic-ofm
Salvatore Scaglia jpic- laici domenicani
Francesco Lo Cascio movimento internazionale della riconciliazione
Bruno di Maio Segretaritato Attività ecumeniche SAE

adesioni:

dott. Mario Affronti “Migrantes”-Palermo, direttore centro diocesano di pastorale per la Migrazione
Suor Rosa Maurantonio suore missionarie comboniane
Maria Montana fraternità laici comboniani
Daniele Tinaglia Coordinatore Regionale VIS (ong salesiana)                                                                                 Don Enzo Volpe sdb Animazione Missionaria dei Salesiani di Sicilia
past. Giuseppe Ficara  movimento internazionale della riconciliazione

 

 

 

 

 

Il Vangelo secondo gli zingari

di Fabrizio Ravelli

 

Se questo è un prete. Qualcuno potrebbe anche chiederselo. Porta un cappello nero che si calca in testa fin da quando si alza dal letto, per uscire dalla roulotte e lavarsi all’aperto. Anche oggi che piove, qui nel piccolo campo di Pozzuolo dove è «in visita, a trovare gli amici». Ha due baffetti bianchi sottili alla Clark Gable, e le sopracciglia cespugliose fanno ombra agli occhi scaltri.

«Cosa volete farmi dire? Perché io sono più furbo di voi, e dico quello che voglio». Voi giornalisti, ma anche voi gagi, voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case.

Don Mario Riboldi ha quasi settantanove anni – magro come un violinista gitano, vigoroso come un domatore di cavalli – ed era un ragazzo di Biassono quando entrò in seminario. Si fece prete, e ancora mancava qualcosa alla sua vita: «Ero appena prete, vicino a Magenta, quando ho visto questo gruppo di sinti. E ho pensato: chi porta il Vangelo a questa gente? Ed eccomi qui, dopo cinquantacinque anni».

E quindi, «sarei anche brianzolo, ma faccio il nomade con gli zingari». Da quando si fece zingaro, prete-zingaro: «Da quando mi sono messo in cammino».

Ci sono molti preti in Italia che si occupano di zingari, «gli ultimi degli ultimi», che hanno imparato a conoscerli nel bene e nel male. Che ci sono sempre quando le ruspe spianano baracche, e bisogna trovare un letto per donne e bambini. Che battagliano con sindaci e prefetti. Che trattano con scuole e ospedali. Che si prendono gli insulti dei gagi, perché gli zingari nessuno li vuole. Ma ci sono poi pochi preti, in Italia, e nessuno in altri paesi d’Europa, che si fanno zingari. Nel senso che vanno a vivere fra loro, con loro. Che dormono nelle roulotte o nelle baracche. Che sanno chi nasce e chi muore, chi va in galera e chi si innamora, chi trova lavoro e chi si ammala.

Don Mario sono cinquantacinque anni che fa questa vita. Casa sua è il campo rom di  Brugherio, uno spiazzo di ghiaia sotto la tangenziale. Ma è sempre «in cammino», conosce tutti e tutti lo conoscono nel mondo dei gitani d’Italia.

Adesso è qui, nel piccolo campo alle porte di Udine, con il suo allievo-scudiero don Massimo

Mostioli, un ragazzone pavese con gli occhi azzurrissimi e i piedi scalzi nei sandali, che lo

accompagna e intanto studia la lingua degli zingari. Domani saranno di nuovo per strada, verso la Spagna. Dentro al vecchio camper don Massimo fa il caffè. E don Mario fa il conto di quanti sono i preti-zingari come loro in Italia. Non ci vuole molto, sono sette.

«A Verona don Francesco Cipriani, e a Bologna frate Flavio, un cappuccino. A Pisa c’è Agostino Rota Martir, un saveriano che vive con dei korakhané bosniaci, musulmani. Qui a Udine don Federico Schiavon. C’era don Renato Rosso, che venne con me in Friuli nel ‘72 e adesso è in Bangladesh, con i nomadi che lì sono decine di milioni. Poi ci sono le Piccole Sorelle di Gesù che stanno a Crotone, e le Luigine a Torino, due sorelle suore». E anche due sacerdoti rom: don Osvaldo Morelli che è viceparroco a Nocelleto di Carinola, provincia di Caserta, e frate Pasquale Barbetta.

Ma loro non vivono nei campi nomadi, per ora almeno.

Dietro di loro c’è un settore organizzato della Chiesa, l’UNPReS (Unione nazionale pastorale rom e sinti), ci sono pubblicazioni e convegni, c’è l’arcivescovo Agostino Marchetto segretario del Pontificio consiglio per la pastorale dei migranti e degli itineranti. Ma non si viene mandati o comandati a vivere da zingari, quella è una scelta personale. Che deve essere autorizzata dal vescovo.

Quello che diede il permesso a don Mario si chiamava Giovanbattista Montini, e oltre a essere un amico di gioventù era arcivescovo di Milano, la diocesi più grande: «Poi lui venne fatto Papa, e io dovetti lottare con il suo successore Colombo per poter continuare», racconta. Don Mario è abbastanza vecchio da poter chiamare «gran bravo ragazzo» l’attuale arcivescovo Dionigi Tettamanzi, e da aver rifiutato un posto in Vaticano: «Non potrei vivere dietro una scrivania».

E poi si sente davvero zingaro, nel cuore e non solo nei panni. Ride, beffardo: «Io non ho mai

lavorato, ho sempre fatto lo zingaro libero». Si mettono in cammino per evangelizzare, questi pretizingari.

Ma non è il conto delle conversioni, o delle vocazioni, a pesare. Il loro mestiere è mettersi

dalla parte di quella gente ai margini, di quella strana gente odiata e malvista e malsopportata, e condividerne l’esistenza. Strada facendo capiscono molte cose, da alcune sono affascinati: «Il nomadismo è una grande ricchezza, che però l’attuale civiltà cerca di eliminare, per tenere tutto sotto controllo». Se la gente cosiddetta normale diffida degli zingari, loro hanno imparato a diffidare della gente. Don Mario lo dice così: «Qualsiasi cosa pensi l’opinione pubblica degli zingari, a me interessa poco. A me interessano loro, i gitani».

Dove vive, nel campo di Brugherio, dice messa in una roulotte, e in un’altra abita. Per l’acqua c’è la fontanella, e per scaldarsi una stufetta. Nella grande città ha messo piede di recente per portare i «suoi» zingari a pregare in Sant’Ambrogio. Ma erano anni che non ci entrava: «Mi ricordo di quando, un diciott’anni fa, stavo a Baggio con una famiglia che non voleva entrare nel campo autorizzato. Dicevano: non vogliamo che i nostri bambini diventino ladri. Beh, gli fecero una multa di ottocentomila lire. E io da allora a Milano non ci vado. Me ne sto nei campi, o in giro». Ha conosciuto tutti, e quando arriva lui è una festa affettuosa. «Questi zingari sloveni li ho conosciuti a Linate nel ‘56. Coi bosniaci ero accampato, e insegnavo a leggere il Corano. Qualcuno s’era convinto che mi fossi fatto musulmano».

Il suo mestiere è evangelizzare. «Quando predico, prendo in mano la Bibbia e leggiamo. Io imparo qualcosa, loro imparano qualcosa, e con la parola di Dio cerchiamo di camminare su questa strada».

Non è problema di credere o non credere: «La loro vera povertà, per me, è che non conoscono il Dio in cui credono». Ma c’è più cristianesimo nella vita zingara, dice don Mario, che in quella dei gagi: «A Milano la media dei figli per ogni donna è meno di uno. E allora dove va a finire il cristianesimo? Negli zingari c’è un senso di naturalezza della vita, e questo è cristiano. Dicono:

come Dio vuole. Il milanese anche cristiano pensa spesso solo al lavoro, a come avere di più, a come arricchire. Ogni zingaro è libero, e il camminare insieme sta nella sua cultura».

Lui sta con loro, e cammina con loro. Nemmeno si sente di dover fare da ponte fra due mondi, o quel che adesso si dice mediatore culturale: «Io quello non lo so fare, non so fare due mestieri. Io mi sono chiuso fra di loro. Don Mario è uno zingaro in più». Rimpiange di non stare più in giro come una volta. Dice: «Mi sono fatto troppo prete, da quando vado a caccia di religiosi zingari».

Gran parte del suo lavoro di questi anni è rintracciare vocazioni e santità nella storia zingara, che non ha tradizioni scritte. Ha raccolto documenti sul primo santo zingaro, Zeffirino. Si chiamava Ceferino Jiménez Malla, detto “El Pelé”, era uno zingaro spagnolo commerciante di cavalli: «Era un uomo molto buono, e questo l’ha rovinato. Prese le difese di un prete, e morì con lui per la sua bontà». Fucilato il 9 agosto del 1936.

Ora sta scrivendo la vita di Emilia Fernandez Rodriguez, zingara in via di beatificazione. Raccoglie documenti sul primo prete degli zingari in Italia: «Del 1500, un salernitano detto “il litterato”, sacerdote a Roma». O su Karl Jaja Sattler, predicatore rom morto ad Auschwitz, che tradusse il Vangelo di Giovanni in lingua gitana. Don Mario, storico della religiosità zingara, «questo popolo di furbi, costretti dalla necessità a dire e non dire. Non mentiva forse anche Abramo, per salvarsi?».

Più che emarginati, dice, «marginali». Ladri? «A volte, e a volte no. I gagi mi chiedono: perché non gli dici di non rubare? Già, perché rubano a voi. Con la maggioranza che agli zingari dice: noi siamo noi, e voi non siete niente. Si vive, si sbaglia, si pecca. È l’umanità. E il rom dovrà farsi da sé, come ci riesce. Diamoci da fare noi. Noi zingari».

E a pochi chilometri da qui, dal campo di Pozzuolo dov’è di passaggio don Mario, c’è un altro dei preti-zingari. Federico Schiavon, un salesiano cinquantenne che da sette anni vive al Villaggio Metallico di Udine, il campo di via dei Sei Busi: «Lo chiamano Villaggio Metallico perché c’erano le baracche di metallo costruite dagli inglesi alla fine dell’ultima guerra. Una di quelle rimaste la uso come chiesa». Ci vivono centocinquanta zingari, e sono settecento in tutta la provincia. Gli sloveni sono discendenti di quelli liberati dal campo di concentramento fascista di Gonars, qui vicino. Poi arrivarono molti croati.

Don Federico dice che la sua scelta di vivere con loro è stata, in qualche modo, inevitabile:

«Frequentavo il campo, ma mi sono reso conto che venire qui di tanto in tanto significava arrivare come padrone e non come ospite. Ho avuto il permesso del vescovo. E poi ho chiesto anche a loro il permesso di vivere nel campo. Mi sono trovato una roulotte». Da sette anni, ogni mattina si sveglia lì. Lavarsi, pulire, pregare, organizzare la giornata: «All’inizio mi cucinavo da solo. Poi hanno cominciato a venire, a portarmi qualcosa, a invitarmi a mangiare con loro».

La sua vita è immersa in quella del campo: «Preghi un salmo, e le antifone sono i rumori dei

bambini che giocano, le donne che ridono, il marito che torna ubriaco». Primo, condividere, «e se ne esce un discorso religioso bene, se no è lo stesso». Come don Mario, anche don Federico comincia a prendere la vita dal senso zingaro: «Ognuno si porta dietro la sua storia, però vivendo con loro qualcosa cambia. Impari a non essere schiavo del tempo, ad apprezzare la libertà dei rapporti. La mia formazione era fatta di impegni, progetti, tempi segnati. Arrivo lì, e tutto mi viene buttato in aria. Fai fatica, ma vedi anche che il nuovo modo ti serve. È la vita la cosa più importante».

Dentro una famiglia: «Qui non sei il prete che deve ricevere rispetto in quanto prete. Sei un uomo come gli altri, e il rispetto te lo devi guadagnare. Condividi le cose belle e quelle meno belle. Le nascite, le morti, le feste quando uno esce dalla galera. Nessuno, da fuori, pensa mai che in campo c’è chi piange o ride, chi si innamora o sogna. Se sto via pochi giorni, quando torno devo recuperare, e farmi raccontare quello che è successo. Sono uno di famiglia: è stata una scommessa per me, ma lo è stata anche per loro». Per lui, è stata una scommessa anche tenere relazioni con quelli di fuori: «Provo a fare da ponte fra gli zingari e la gente friulana. Con le cose pratiche: il lavoro, le visite mediche, la burocrazia. E contro i pregiudizi». Finisce sempre così: «Che i friulani mi dicono: abbiamo capito, tu sei uno a posto. Ma loro no». Lui che vede «la fotografia  dall’interno»: «Si colgono tante cose. Molti del campo lavorano regolarmente, anche se partono sempre svantaggiati fin da quando dicono il proprio cognome. Si parla solo degli zingari che rubano. Rubano anche dei friulani, ma nessuno dice che i friulani rubano».

O gli zingari che rapiscono i bambini: «Me lo dicevano quando ero piccolo, a San Donà di Piave. Ho visto una ricerca: non c’è un solo caso negli archivi delle questure d’Italia». Anche gli zingari dicono che i gagi portano via i bambini: «Quando si pensa che non abbiano condizioni igieniche adeguate. Ma senza aiutare le famiglie a migliorare». Cose che un prete-zingaro capisce: «E a volte mi prende la rabbia, a vedere come gli zingari sono trattati. Sa, una volta nessuno dei nostri vecchi avrebbe rubato al supermercato. E adesso, invece». Cose che don Federico comincia a pensare vivendo da zingaro, «adesso che è come se fossi di loro proprietà».

 

in “la Repubblica” del 13 aprile 2008

Cara Europa. Appello di Rebecca Covaciu contro la persecuzione dei Rom in Italia

Si chiama Rebecca Covaciu, è una ragazzina rom di 12 anni, ha una vita di povertà, emarginazione e sofferenza alle spalle.
I giornali hanno parlato di lei come della “piccola Anne Frank del popolo Rom”.

LINK PER IL VIDEO: CLICCA QUI!

 

La famiglia Covaciu abbandonò Arad, in Romania, per fuggire povertà e discriminazione. Ma in Italia ha conosciuto gli effetti devastanti dell’odio razziale. Ha subito un tentato linciaggio da parte di razzisti a Milano; le forze dell’ordine hanno distrutto più volte le baracche costruite da Stelian, papà di Rebecca, mettendo la famiglia in mezzo alla strada. L’aiuto offerto dai membri del Gruppo EveryOne ha evitato che Stelian, sua moglie e i loro quattro bimbi subissero un destino tragico. Ora Rebecca – che non è solo una grande promessa dell’arte europea (promessa che sarà mantenuta solo se la persecuzione razziale in Italia non la ucciderà), ma un angelo di sensibilità, altruismo e bontà – si è incamminata in una “marcia della morte” verso il nulla, con i suoi cari.

 

Durante la primavera 2007, la famiglia Covaciu ha incontrato gli attivisti del Gruppo EveryOne, che si sono fatti carico delle sue esigenze fondamentali.

 

Il 24 Aprile 2008, a Milano, una “squadra di protezione” formata da agenti in assetto antisommossa, agli ordini di Gianvalerio Lombardi ha compiuto un’operazione di sgombero nei confronti della comunità di Rom romeni, provenienti da Timisoara, che si era rifugiata in un campo del quartiere Giambellino. Il campo era “abusivo”: numerose famiglie in condizioni di miseria tragiche si erano rifugiate lì per evitare di morire di fame e malattie nella loro città di origine, vivevano in una situazione di segregazione e discriminazione insostenibile. L’azione degli agenti è stata eseguita con metodi brutali. Uomini, donne e nugoli di bambini sono stati costretti a uscire dalle loro baracche, messi in fila come gli ebrei rastrellati dai nazisti durante l’Olocausto e costretti ad assistere alla distruzione del loro piccolo, miserabile mondo.

 

Le baracche sono state distrutte e date alle fiamme senza che agli occupanti fosse concesso di prelevare i propri pochi beni. Una mamma supplicava gli uomini in divisa: “Per piacere, lasciatemi prendere le copertine per i miei bambini”. Un poliziotto le rispondeva: “Non ti servono a niente, perché adesso, con il nuovo governo, vi rimandiamo tutti in Romania“.

 

I bambini piangevano, mentre i loro aguzzini li spintonavano e li intimidivano con parole dure, offensive, improntate all’odio razziale. Una delle famiglie cacciate in malo modo dalla squadra era la famiglia Covaciu, il cui capofamiglia è un missionario evangelico, noto presso i Rom di Milano per gli innumerevoli gesti di altruismo compiuti nei riguardi delle famiglie perseguitate.

 

Sua moglie parla cinque lingue: il romeno, il romanes, il francese, lo spagnolo e l’italiano. Hanno quattro bambini, fra i quali Rebecca Covaciu, di 12 anni, dotata di un notevole talento nel campo delle arti plastiche, tanto che alcuni dei suoi disegni – che documentano la vita dei Rom in Italia – sono stati esposti a Napoli, nel corso della Giornata della Memoria 2008, presso le prestigiose sale dell’Archivio Storico, che li ha acquisiti in permanenza.

 

Rebecca ha imparato a disegnare e dipingere nelle baracche e sotto i ponti, sviluppando un talento che le ha consentito di vincere il Premio UNICEF 2008 fra centinaia e centinaia di ragazzi di tutte le nazionalità, per il disegno e la pittura legato ai diritti dei Bambini e ha già partecipato a mostre d’arte, con i suoi disegni che raccontano la persecuzione degli ‘zingari’ in Italia. Il premio le è stato consegnato a Genova nell’àmbito del Festival dell’Intercultura “Caffè Shakerato“.

 

I disegni di Rebecca sono esposti al Museo d’Arte Contemporanea di Hilo (Stato delle Hawaii, U.S.A.), rappresentativi dell’arte dei Rom in Europa e della condizione di emarginazione cui sono costretti. Il direttore del museo Ted Coombs ha scritto: “L’Arte di Rebecca Covaciu pone in rilievo un’infantile innocenza, preziosa nel mondo dell’arte, che si propone solo di colpire l’attenzione. Non è arte per l’arte, ma – piuttosto – arte che esprime la pura voce dell’anima.

Il Museo d’Arte di Hilo sostiene e incoraggia l’arte capace di entrare in comunicazione con l’anima, perché si tratta del messaggio che ci ha consegnato in eredità l’Arte Polinesiana. Gli antenati degli Hawaiani viaggiarono, assumendosi grandi rischi, per essere parte della cultura del nostro mondo: ecco perché siamo orgogliosi di supportare queste meravigliose opere d’arte che provengono dall’altra parte del mondo

 

Le opere di Rebecca sono state esposte anche nell’àmbito delle mostre del Gruppo internazionale di artisti “Watching The Sky“, fra cui “Psiche Incatenata“, in occasione della Giornata della Memoria 2008, nelle prestigiose sale dell’Archivio Storico del Comune di Napoli. Genova ha attribuito l’importante riconoscimento “Arte e Intercultura – Caffè Shakerato” ai disegni-testimonianza della piccola artista. La serie di opere grafiche “I topi e le stelle” (qui accanto alcune delle opere), ispirata alla sua vita negli insediamenti “abusivi”, sarà esposta a Roma, Napoli e Genova nell’àmbito di una mostra itinerante dedicata ad Arte, infanzia e Diritti dei Popoli.

 

Nonostante questi suoi meriti, nonostante l’impegno del padre Stelian a cercare un lavoro anche umilissimo in Italia, la famiglia Covaciu era costretta a vivere in una baracca, in mezzo ai topi e ai parassiti, senza acqua potabile né corrente elettrica.

 

L’hanno sgomberata da edifici abbandonati e perfino da sotto i ponti.  “Ci trattano come animali perché non ci conoscono,” ha detto Rebecca dopo aver ricevuto il Premio UNICEF. “Non sanno che cosa vuol dire vivere in mezzo ai topi e ai rifiuti, al freddo, senza cibo. Quando noi bambini chiediamo l’elemosina, dicono che i nostri genitori sono cattivi, perché non sanno che se non ci aiutiamo tutti, fra di noi, moriamo di fame. E’ un brutto mondo per noi ‘zingari”. 

 

Intorno alla famiglia Covaciu, in Italia, è in atto una spaventosa purga etnica che non risparmia alcuna città. Comunità e famiglie vengono braccate sia da ronde di giustizieri, sia dalle forze dell’ordine, che distruggono i loro poveri ripari, bruciano i loro averi e le mettono in mezzo alla strada, senza cibo né assistenza.

Il Gruppo EveryOne ha raccolto centinaia di testimonianze, fra cui quelle di bambini e donne che hanno subito ogni tipo di violenza, dopo essere state private del rifugio di un edificio abbandonato o di una baracca di cartone, legno e lamiera. “Avevamo due bambini piccoli, molto belli,” hanno raccontato fra le lacrime due ragazze Rom romene, “ma quando ci hanno mandate via dalla nostra baracchina non avevamo più niente da dargli da mangiare. I bambini si sono ammalati e tossivano tutta la notte. Serviva un antibiotico, ma nessuno ci aiutava. Sono morti durante la stessa notte“. Non sono casi singoli, ma è la realtà del popolo Rom che vive in Italia, dal nord al sud.

 

La speranza media di sopravvivenza degli ‘zingari’ in Italia si è abbassata a soli 35 anni, mentre la mortalità dei loro bambini è 15 volte superiore a quella degli altri cittadini. Sono numeri tragici, identici a quelli che caratterizzarono la condizione degli ebrei segregati nel ghetto di Varsavia, luogo simbolo dell’Olocausto.

 

Il sopravvissuto alla Shoah Piero Terracina, di fronte al martirio dei Rom in Italia ha affermato recentemente, con la voce strozzata e gli occhi lucidi: “Mi sembra di essere tornato indietro nel tempo. Le leggi razziali e le atrocità che colpiscono oggi i Rom sono molto simili a quelle che toccarono a noi ebrei, durante la persecuzione nazifascista“.

 

Tutto avviene nell’indifferenza generale e la campagna mediatica di stampo razzista ripropone le calunnie che permisero tanti pogrom, persecuzioni e stermini durante la Storia: i Rom stuprano le donne italiane, i Rom non vogliono lavorare perché preferiscono dedicarsi al crimine, i Rom rapiscono i bambini.

 

Il Gruppo EveryOne ha dimostrato che i casi di rapimento diffusi da politici razzisti e media erano montature e ha divulgato i dati risultanti da un’analisi minuziosa degli archivi di stato: dal 1899 ad oggi nessun cittadino Rom è mai stato condannato per rapimento di minore. Ma non basta, perché i Rom sono stati scelti quali capri espiatori di un’Italia che ha abbandonato la via della solidarietà, della tolleranza e dei Diritti Umani.

Quando disegno, penso ai colori di un mondo migliore, dove anche noi possiamo essere felici. Da grande voglio aiutare i poveri e se diventerò un’artista famosa, voglio dipingere il mondo degli ‘zingari’, così tutti vedranno la verità. Vorrei parlare ai grandi, ai potenti, a quelli che potrebbero aiutare il mio popolo. Vorrei chiedergli di aiutarci, perché la nostra vita è troppo triste“.

 

Rebecca ricorda Anne Frank, incapace di perdere il sorriso e la fiducia negli esseri umani, nonostante la spietata persecuzione che il suo popolo subisce qui in Italia.

 

La videointervista “Cara Europa” è la risposta al desiderio di Rebecca, che le consente di lanciare un appello all’Europa, contro la discriminazione che colpisce il suo popolo. È una testimonianza della persecuzione dei Rom in Italia e sarà presentato all’assemblea plenaria del Parlamento Europeo e all’Unicef, grazie a un’iniziativa del Gruppo EveryOne

 

 

Nota: Per vedere il video fai clic sull’immagine “Cara Europa” a inizio pagina. È richiesto Apple QuickTime

contro ogni violenza, contro il razzismo, ricordare i Rom vittime dei roghi di Ponticelli a Napoli

In questi giorni stiamo assistendo a un crescendo di violenza a diversi livelli.

Violenza xenofoba contro gli immigrati; razzista contro Rom e Sinti; di
polizia contro quanti protestano per difendere il proprio territorio;
di Cosa nostra, della Camorra e della ‘Ndrangheta con le loro
estorsioni. In questo contesto è particolarmente esposto chiunque sia
“diverso”: oggi il rumeno, il nero, il cinese, come ieri il
meridionale, il “terrone”.
 
Questa subcultura della violenza purtroppo lascia indifferenti o
vede complici ampi strati della società, venendo così strumentalizzata
da molta parte del mondo politico, per fini non solo elettoralistici.
 Questa subcultura si esprime e si fonda nelle paure, di singoli e di gruppo:
 che, senza un governo autorevole, si rifugiano nell’autoritarismo.
Autoritarismo che ha fruttato al Paese più richiami internazionali: dalla U.E.,
 all’ O.N.U., alla S. Sede.
Come Chiese, religiosi e laici cristiani non vogliamo stare a guardare !
Bisogna tornare ad essere “Chiesa Confessante”, affermando insieme
una Fede non connivente col potere abusato; una Fede capace di testimoniare
la Verità di fronte a tutti i violenti e nella vicinanza a quanti soffrono e chiedono
giustizia.
Una giustizia giusta, perché coerente, e non del doppio binario, quale
quella che si va profilando: draconiana con i deboli e remissiva con i
forti.
 Intendiamo essere quindi Chiesa ricca della testimonianza dei tanti Puglisi,
 Romero, M.L. King, Jagerstatter, Bonhoeffer, Trocmé, Abbè Pierre, don Zeno …,
che hanno saputo tenere alta la Coscienza di fronte alla violenza dilagante del loro
tempo e dei loro luoghi.
 Per questo, ad un mese dall’aggressione ai Rom di Ponticelli a Napoli, invitiamo tutti
all’iniziativa nell’arco della prossima settimana, con un giorno di digiuno, ricordando i fatti
nelle celebrazioni liturgiche, promuovendo iniziative di informazione, con iniziative nonviolente.
 E’importante creare momenti di testimonianza, civile e religiosa: per la Giustizia e la Pace,
ineludibilmente basate sul rispetto della dignità di ogni persona umana.
– Fra’ Graziano Bruno ofm – promotore di Gpic
– Francesco Lo Cascio – Movimento Internazionale della
Riconciliazione
– Salvatore Scaglia – laico domenicano componente di Gpic
-Bruno Di Maio SAE segretariato attività ecumeniche
 
per adesioni e comunicazione delle iniziative: giustizia-pace-integrita-del-creato@googlegroups.com